Cuori vicini.

2 cuori e 2 gusci

Ieri sera a cena il mio nanetto da giardino, ascoltando piccola donna che si lamentava per un insopportabile male al braccio causato da iniezione da vaccino, mi guarda con sguardo intenso da uomo navigato e mi dice “Come esagera mamma, ma si sa sono femmine, sono attrici!”.

Sono scoppiata a ridere, poi mentre riordinavo la cucina, pensavo, ma anche io sono femmina…dunque mi vedono, ci vedono così!!!

Di contro la piccola donna spesso ride delle goffaggini del nano da giardino, del suo essere maldestro, con espressioni facciali del tutto eloquenti della serie “guardacheimbranatoquestomiodiochenegatoafaretuttononsaancoratagliare lacarnecomesideve!!!”. E d’istinto, armata di sospiro, lo aiuta nella sua sfidante impresa di tagliatore di bistecche.

Io sorrido. Me li guardo tra un misto di stupore e divertimento, affacciata alla finestra.

Mi godo lo spettacolo della loro diversità, del loro essere fratello e sorella, maschio e femmina, piccolo uomo e piccola donna.

Talvolta sembrano un marito e una moglie in miniatura.

Due cuori vicini.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s