Raccomandazioni.

pexels-photo-208165

Sei sicuro di aver fatto tutto?

Se non proprio tutto, molto, da sentirti a posto, al tuo posto. Tutto quello che era nelle tue possibilità, insomma, con integratori vitaminici a supporto, che di questi tempi tocca prenderli.

In ogni caso l’hai fatto bene? Con slancio? Dai, hai capito che intendo, quel bene che deborda, che ce n’è d’avanzo, che si propaga intorno. E te lo sei chiesto? Perché già prenderne coscienza è il primo passo.

Non è che sei un po’ lento? O magari eccessivamente riflessivo, gratuitamente analitico. Il punto mi sa che sta anche lì. Sull’affollamento di particolari, sulle voci singole. E anche sull’indugio, chiamalo ripensamento, osservazione attenta, per me è lentezza, punto.

Non è che è sei frettoloso? Urgentemente bisognoso di risposte, traguardi, conferme? Pensaci.

Poi c’è il timore del giudizio, di quel fottutissimo tema della reputazione sociale, che insegui a fiato corto. Fa acqua, ti inganna, fa ombra. Fa venire la dermatite, pruriginose ossessioni, ricorrenti paure.

Ah sai che in quel caso lì potevi agire in modo diverso? Bastava poco, ci voleva uno sguardo laterale, distante. Non l’hai fatto? Ora non ci pensare più. Però una buona volta abbandona questi sentieri noti. Perditi, immergiti, mollati. Molla la presa anche sugli altri, non solo su te stesso.

Quanto alla pigrizia? Credo sia piuttosto indolenza alternata a moti scomposti di attivismo. Il guaio è che è circolare, alza solo polvere.

E che mi dici dell’istinto? Ti guida? Ci prende un sacco di volte, vero. Agisce da suggeritore infallibile in alcuni casi. Talvolta però può risultare ingannevole, fuorviante. Fanne uso moderato.

Hai di nuovo rimandato? No, non mi dire. E fiaccala una volta per tutte quest’arte del procastinare, mettila in un angolo e lasciala lì. Al suo destino.

Ti sale l’ansia? Non darle vita, obbligati a non pronunciarla, non farne parola. Specie al mattino, ricacciala giù. L’hai abituata bene. Ora tocca che si dia una regolata, si ridimensioni. C’è aria di crisi anche per lei!

Vuoi alzare l’asticella? Se poi mi dici ad intervalli regolari “No stavolta non ce la faccio, me lo sento. Pensi che andrà bene? Andrà male? una modesta via di mezzo? … Oh come vorrei tornare indietro”. Anche se alla fine ti tocca ammettere che ne è proprio valsa la pena. E gli occhi risplendono.

Vuoi vivere sereno, capace di godere che non vuol dire accontentarsi. Vuoi essere generoso e sincero. Aperto. Riconoscente. Hai detto tutto tu, non devo aggiungere altro. Almeno per questa volta.

Raccomandazioni non richieste di voci interiori.

Leggere attentamente le precauzioni d’uso, consultare anche voci alternative, in caso di estrema necessità non assumere per più di tre giorni consecutivi.

Metterle a tacere. E via andare.

 

Advertisements

45 thoughts on “Raccomandazioni.

  1. Sabaudite…. sabaudite allo stato puro, nella sua essenza, nel suo essere inestirpabile che gramignanelgiardinolevatichenonseinessuno!… ma è così… così affascinante questo mettersi perennemente in discussione, sfiancante da Urcamalura urlati al cielo e alle stelle… ma è così vera…
    Sei meravigliosa Meringhetta mia! ❤

    Liked by 1 person

    1. Ahahah Sabaudia mia marchiata a fuoco…che mi combini? Affascinante… Mah, ne farei a meno, sfiancante sicuro, a tratti divertente, vero assolutamente! grazie Tati bella, notte 😍

      Like

      1. Cara Meringhetta, Buongiorno!.. certo che di questa sabaudite ne faremmo volentieri a meno ma ci disegnano così e gomme così grandi non le hanno ancora inventate 😉

        Liked by 1 person

  2. Devo dire che il filo è un po’ complicato, Marghe.
    Però ho percepito la voglia di migliorarsi, di essere propositivi, e di superare i proprio limiti.
    Tra l’altro anche tu oggi parli di procrastinare, ne parlo anch’io oggi dalle mie parti.
    Ciao

    Liked by 1 person

    1. Nuuuu addirittura una botta? Mannaggia a me, dai che gennaio è finito….è semplicistico pensare che basti febbraio per svoltare? Si, confermo siamo in tanti a non lasciarci in pace 😚 ciao cara!!!

      Liked by 1 person

    1. Ma come sono felice, mi chiedevo se fosse arrivato il significato, il messaggio intimo.. Evidentemente qualcosina si, .. Impegnativo destreggiarsi tra coscienza e insicurezza…grazie Alessandra!!!

      Liked by 1 person

  3. Hai tessuto una tela tale che non so chi possa affermare a se stesso (se si decide ad obiettivo e sereno) di essere esente da almeno un punto di quelli da te toccati.
    Marghe, la verità: ci siamo dentro tutti. Senza distinzione di sesso, razza, religione, età, censo e stato di famiglia.

    Liked by 1 person

    1. Oh questo è molto liberatorio sto già meglio! Ed è come dici Guido 😃 però talvolta provo una smaccata invidia per chi va dritto alla meta. Focalizzato, determinato, senza troppe pippe mentali…poi però sono le persone che mi piacciono meno…affermazione tranchant e generalizzata che richiederebbe molti approfondimenti….c’è sempre l’aurea mediocritas 😊 buona giornata!!!

      Like

      1. Primo: quelle persone, non sappiamo fino a che punto, loro, dentro, si vivono, e sentono cosa. E se non sia solo apparenza, simulazione o se verità, pochezza mentale, di spirito e anche intellettuale, incapacità di analisi.
        Secondo e anzi punto numero UNO in assoluto: è grazie a quelle persone che vanno dritte alla meta, che abbiamo il mondo che abbiamo, e cioè guerre e disastri, crolli finanziari, famiglie distrutte, diritti usurpati, stragi…
        Marghe, vai, che se il mondo non è proprio da buttare è per la gente come te.

        Liked by 1 person

  4. Wow, leggendo questo scritto si sentono emergere le mille personalità che ci sono dentro ognuno di noi, e sparire tanto velocemente quanto sono apparse.
    Interessante il tuo blog, mi leggerò un po’ di cose 🙂

    Liked by 2 people

  5. Mamma mia che ansia… ma perche credo un po tutti abbiamo dentro sta ragnatela che hai tessuto tu… incalzante il tuo post… ma cosi reale…
    Marghe… scusa davvero tantissimo l’assenza….
    Non è volontaria…
    Mi manca un po wp…
    A inizio anno non sopportavo piu tutto sto virtuale… a volte mi fa male… e probabile che forse te lo dissi anche… boh…
    Poi ora sto incrociata col lavoro e tra un mese devo finire di fare la relazione al.ministero che senno mi chiudono il sito…
    mi mancano un po le ns chiacchierate sui post… per fortuna riesco a leggerti almeno su fb…

    Liked by 1 person

    1. Ma ciao Ale, ma stai serena…anche io mi prendo le mie salutari e necessarie pause 😉 mi mancano le nostre chiacchierate virtuali, ma il tempo è davvero tiranno. Inoltre anche per me è un periodo lavorativo di full immersion…che bello sentirti, grazie che sei passata, porti sempre una ventata d’aria positiva e profumata 🙂 un abbraccio

      Liked by 1 person

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s