Dello scrivere. E della felicità.

DSC_0847-dritta

“Da quando hai iniziato a scrivere?”

“Mah, scrivere è una parola grossa” rispondo io

“In effetti…”

Mi piace chi è chiaro, diretto, schietto. Chi non ti adula e non ti compiace. Chi ti riporta a un preciso senso della realtà. Mi fa ridere e mi piace.

Non credo di saper scrivere, come intendo io la scrittura, quella vera, dei libri stampati e non solo, delle parole soffiate e scolpite, quelle che lasciano un segno. Di certo, però, da quando lo faccio sto meglio. Sono più felice.

E da qui sono partita per capire una serie di cose.

Ho capito ad esempio che scrivere è mettersi costantemente alla prova per poi stupirsi. Scrivo, rileggo, talvolta mi sorprendo di cosa sia potuto sgorgare e la volta successiva penso che mai riuscirò di nuovo a farlo. Almeno non così.

Scrivere è allenamento. Come ogni cosa nella quale ci mettiamo impegno, dedizione, energia, più lo fai meglio ti riesce. E se in partenza, talvolta,ti costa sempre un pizzico di fatica, le sensazioni che ti regala sono pari a quelle di quando vinci la pigrizia. Vado a correre, a camminare via, e torno stanca, ma piena. Le conquiste passano sempre attraverso un po’ di sudore.

Scrivere ti mette di fronte ai tuoi limiti. A chi lo sa fare molto meglio di te e lo riconosci, e non smetti di leggerlo perché è un regalo inaspettato ogni volta. A me piace scrivere per confinare la mia costante insicurezza, metterla in un angolo e dedicare tutta me stessa a quello che ho bisogno di dire. Senza troppi pudori. Con un piccolo pubblico che mi ascolta e mi stimola a migliorare. Attraverso la scrittura tengo a bada le mie insicurezze. O le accarezzo più dolcemente.

Scrivere lo puoi fare sempre. Con addosso ogni stato d’animo, che siano paura, gioia, indolenza, incredulità. E il bello è riconoscere che il colore delle tue parole rispecchia fedelmente quello che senti. E ogni volta ti specchi e fai specchiare anche gli altri in quel tuo pezzo di realtà. 

Scrivere genera frustrazioni e gioia che si alternano a ritmi serrati, come sono in fondo tutte le questioni d’amore che si rispettino. E come ogni fatto di cuore non sai mai come andrà a finire, ma quando ci sei dentro pensi che sarà per sempre. O perlomeno lo desideri. Con tutto te stesso.

Advertisements

72 thoughts on “Dello scrivere. E della felicità.

  1. Mai trattato di scrittura fu così esaustivo e completo! Complimenti.
    Manca solo un aspetto, che fortuna vuole, non è il tuo caso: è dover scrivere con la testa sotto la ghigliottina… di una consegna da effettuare la mattina dopo. Ma avere magari il mal di denti e il vuoto e… le bollette sul tavolo che ti ricordano che devono essere pagate 🙂

    Liked by 2 people

  2. Proprio vero, quando rileggo un pezzo che mi è particolarmente riuscito son convinta che non sarò in grado di farne un secondo al pari … e in effetti è così!! ahahahah!!!!!
    (Va beh, un po’ di autoironia concedetemela ^_^ )

    Liked by 1 person

  3. Così è se vi pare… Tanto per citare qualcuno di cui non mi sovviene il nome… In ogni caso hai fatto un’ottima disquisizione su cosa possa rappresentare la scrittura per un autore…
    Saluto e fiore…

    Liked by 1 person

  4. Senza piaggerie di sorta, penso che tu scriva bene e con profonda emotività. Nel senso che sai trasferire efficacemente le tue emozioni, permettendo agli altri di “sentirle” ed interpretarle.
    Detto ciò, non sono così convinto che scrivere sia solo piacere narcisistico. È vero che quando rileggiamo e l’elaborato ci sembra ben scritto, ne siamo molto soddisfatti, presumendo già in quel momento che piacerà agli altri quanto è piaciuto a noi. Alla prova dei fatti, però, siamo molto più contenti se chi ha letto ci comunica una sensazione, un’emozione, di “ritorno”. A quel punto la soddisfazione, almeno per quanto mi riguarda, non è più solo quella di esserci riuscito, ma di constatare che altri provino quelle emozioni, ne aggiungano di proprie oppure ne vogliano dibattere. In altre parole ho comunicato, in qualità di emittente, ad altri, i riceventi, un messaggio che è stato recepito e, giustamente, rielaborato. Se così viene confermato che anche altri possano provare le mie stesse emozioni, non posso, per definizione, essere un narciso.
    È questa dunque la grande soddisfazione.
    Ottime riflessioni, comunque, che potrebbero aprire un dibattito molto più profondo e articolato di quanto io non sia riuscito a fare.
    Grazie infinite! Un abbraccio, Piero 🙂

    Liked by 2 people

    • Grazie Piero per i tuoi apprezzamenti e ancora di più per i tuoi spunti di riflessione..non è pure piacere narcisistico quello che spinge a scrivere e soprattutto che motiva nel continuare a scrivere…è vero! Diciamo che parte da un bisogno personale e interiore, almeno nel mio caso e poi si propaga verso l’esterno, mosso anche da un desiderio autentico di condivisione. Assolutamente vero il discorso delle emozioni…vale molto di più il piacere di aver trasmesso sentimenti ed emozioni che il vano gusto di aver scritto bene e di essere soddisfatti del proprio testo. E’ un tema interessante a mio parere che si presta a molte riflessioni, anche ben più richhe e articolate di quelle che ho espresso qui nel post.
      Ciò che mi premeva comunicare è che scrivere può diventare parte della propria vita in modo necessario e può renderci anche più felici. E’ un pensiero che mi percorre spesso in questo periodo.
      Un abbraccio a te 🙂

      Liked by 2 people

  5. Io credo invece che tu sappia scrivere, Marghe, e anche molto molto bene. Te l’ho già detto da qualche parte credo. E come dice Piero qui prima di me, sai trasmettere le tue emozioni, le percepisco e non solo perché ti conosco da tempo. Brava Marghe.

    Liked by 1 person

    • E allora sai cosa ti dico cara Piera? Che mi prendo il complimento e me lo gusto 😉
      A di là del saper scrivere quello che noto è che più lo fai più diventa un’esigenza che fa bene al cuore, un abbraccio grande!

      Liked by 2 people

  6. ecco…. io credo che tu sappia scrivere…. ma non credo sia questo l’importante, anche secondo me… perchè quando passi le emozioni di vita vera come fai tu, ci possiamo rispecchiare…. e grazie perchè almeno a me a volte fai riflettere…
    scrivere… io non so farlo e non credevo lo avrei mai fatto…
    ma da quando ho aperto il blog, per caso, a volte mi serve come dici tu, proprio per liberarmi e confrontarmi. Soprattutto con alcuni di voi che, anche a distanza mi offrono stimoli e vicinanze, anche in lontananza!
    bacini marghe!

    Liked by 1 person

    • Stimoli e vicinanze, anche in lontananza è bellissimo!!! Credo che scrivere serva a liberarsi e a costruire ponti…è proprio quello che è successo in questi mesi con tanti di voi ed è stata una sorpresa arricchente e preziosa…poi c’è chi lo sa fare proprio bene, ma qui il punto è un altro.
      Scrivere ci rende più consapevoli di cosa siamo e anche più felici…buona giornata Alessia cara !!!

      Like

      • queste cose che hai appena detto, le ho capite anche io da quando ho aperto il blog, anzi non da subito… da quando ho capito che puo essere come parlare con un amico…. e che davvero ci si può sentire vicini anche se fisicamente non ci si vede…
        ovvio che a volte nascono altre priorità e ci si allontana, ma mi piace pensare che invece possa anche non essere così!
        buona giornata a te!

        Liked by 1 person

  7. Ciao Mrs, condivido il tuo pensiero in ogni sua parte ..
    Molto tempo fa tentai la scrittura per “lenire” piccole ansie e mi fece davvero bene. Oggi scribacchio per puro piacere e molto spesso mi ci diverto pure a farlo..
    Ciao! 🙂

    Liked by 1 person

  8. Ciao, ti conosco da poco ma mi è bastato per decidere di nominarti nel mio post “Premio Dedalo”,. Sbircia, se vuoi, e ti renderai conto tu stessa.

    Liked by 1 person

  9. Stupenda l’idea di creare un gioco di rimandi infiniti con la foto che ritrae il word del post che posta la foto del post… un bellissimo pezzo di te ☺ a noi tuo piccolo pubblico ci delizi sempre! Continua a scrivere!

    Liked by 1 person

  10. Come condivido quanto scrivi in questo post, quasi in ogni sua parte. Io purtroppo ancora non riesco a sganciarmi di dosso un po’ di pudore … a volte penso che potrei farlo solo se fossi sicura che mi legge solo chi non mi conosce … comunque brava.

    Liked by 1 person

    • Oh non credere il senso del pudore rimane e poi a seconda del momento ci si sente più liberi o meno di esprimersi. E comunque vale anche per me un maggior senso di leggerezza se so che chi mi legge non mi conosce … però lentamente sto cacciando tutte questi limiti mentali…grazie!!!

      Like

    • Ma che bella sorpresa Alexandra!!! La tua rubrica del sabato mi piace un sacco e ritrovarmici è davvero un gran onore e piacere! Anche oggi ho fatto piacevoli scoperte di nuovi blogspot 😊 E la sintonia di vedute, pensieri e sensazioni è davvero reciproca. Grazie di ❤, davvero!

      Like

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s